Thursday, January 05, 2006

Il soldato

Mentre Ariel Sharon si appresta a passare a miglior vita, che dio o chi per esso non voglia, ecco che le menti più illuminate di ogni generazione tolgono dai cassetti i loro appunti del tempo che fu. Pronti a rinfacciare ad un soldato il più improbabile come pacificatore tutti gli errori commessi. Errori commessi, e varie ed eventuali. Fosse solo questo sarebbe un problema minore.
Ma, che lo ammettano o meno poco importa, Sharon è solo l’obbiettivo dell’odio nei confronti di un popolo. E di fronte a tutto questo, c’è poco da fare. Che continuino con il loro odio, che ne sopportino le conseguenze.

3 Comments:

Blogger blogn2k said...

Gentile autore,

ti comunichiamo che il tuo post, visibile all'indirizzo http://liberoblog.libero.it/mondo/bl2190.phtml, ritenuto particolarmente valido dalla nostra redazione, è stato segnalato all'interno di LiberoBlog, il nuovo aggregatore blog di libero.it

Pensiamo che questo ti possa dare maggiore visibilità sul web e presumibilmente maggiore traffico sul tuo blog, in quanto Libero.it è visitato quotidianamente da milioni di persone.

Nel caso tu fossi contrario a questa iniziativa, il cui fine è quello di segnalare ai nostri lettori i contenuti più validi rintracciati nella blogosfera, ti preghiamo di segnalarcelo via e-mail chiedendo la rimozione del tuo post dal servizio. Procederemo immediatamente.

Per saperne di più di LiberoBlog e sulla sua policy:
http://liberoblog.libero.it/disclaimer.php

Per suggerimenti e critiche, non esitare a contattarci a questo indirizzo e-mail: blog.n2k@libero.it

Ringraziandoti per l'attenzione, ti porgiamo i nostri più cordiali saluti

LiberoBlog Staff

2:08 AM  
Blogger harry said...

Un soldato sì, ma che più di tutti ha contribuito negli ultimi anni alla pace.

5:02 AM  
Blogger ribello said...

è appunto il suo essere soldato che lo rende una figura due spanne sopra gli altri.

5:02 AM  

Post a Comment

<< Home